Latte artificiale contenente Lactobacillus Paracasei ceppo F-19.

A cura del prof. Giorgio Pitzalis

È ben noto che l’alimentazione della prima infanzia può avere un impatto sulla salute a lungo termine.

Lo sviluppo del microbioma intestinale è importante per garantire la corretta funzione intestinale e lo sviluppo del sistema immunitario, nonché lo sviluppo di altri organi, compreso il cervello.

Ci sono molti fattori che influenzano lo sviluppo del microbioma, compresa la dieta infantile. 
È stato dimostrato che i neonati allattati artificialmente (FF) e allattati al seno (BF) ospitano microbiomi differenti, rispetto ai neonati BF con un microbioma dominato da bifidobatteri e lattobacilli.

L’alimentazione artificiale è stata collegata allo stress metabolico che include alterazioni metaboliche e immunitarie.

Come un aumento dell’insulina sierica unitamente con un aumento degli aminoacidi sierici, citochine e lipidi nel sangue alterati, nonché tassi di infezione più elevati durante il primo anno di vita rispetto ai neonati BF.
Inoltre, i neonati FF hanno maggiori probabilità di sviluppare obesità e disfunzione metabolica più tardi nella vita rispetto ai neonati BF.
La nutrizione della prima infanzia guida lo sviluppo del microbiota intestinale.
Contrariamente all’allattamento al seno, è stato dimostrato che l’alimentazione del latte artificiale ha un impatto sia sul microbiota intestinale che sul metaboloma del siero verso uno stato più sfavorevole.

Leggi tutto su https://giustopeso.it/latte-artificiale-contenente-lactobacillus-paracasei-ceppo-f-19/

Da ilMessaggero.it: Antibioticoresistenza, salute a rischio per milioni di persone

Cresce la capacità dei batteri di resistere agli antibiotici. Regione Lazio in prima linea per promuovere un uso consapevole di questi farmaci e “farli funzionare”

L’antimicrobico-resistenza è un fenomeno che mina l’efficacia di farmaci essenziali come gli antimicrobici ed è una minaccia più che mai concreta per la salute di milioni di persone: si verifica quando un microrganismo – batterio, virus o fungo – diventa resistente al farmaco utilizzato per combatterlo.

Questo fenomeno è legato all’abuso o all’uso inappropriato dei farmaci antimicrobici – antibiotici, antivirali e antifungini – che favorisce la selezione e la diffusione di ceppi resistenti.

Le conseguenze? Infezioni oggi curabili presto potrebbero non esserlo più; interventi chirurgici di routine potrebbero diventare ad alto rischio; i medici potrebbero trovarsi a corto di opzioni per la cura di molte malattie infettive, anche banali.

Leggi tutto su Ilmessaggero.it

L’importanza del microbiota respiratorio

A cura del prof. Giorgio Pitzalis

Il Mycoplasma pneumoniae è il secondo responsabile associato alla polmonite acquisita in comunità (es. asili, scuole).

La polmonite da Mycoplasma pneumoniae rappresenta il 20-40% dei casi di questi casi nei bambini.

Recentemente nel paese asiatico è stato segnalato un numero crescente di casi gravi di polmonite, spesso con presentazioni cliniche eterogenee e accompagnati da complicanze extra-polmonari che talvolta mettono a rischio la vita.

Prove crescenti hanno indicato che il microbiota respiratorio può innescare il sistema immunitario e fornire resistenza alla colonizzazione di agenti patogeni.

Il microbiota del tratto respiratorio è un fattore importante che regola e modella le risposte immunitarie polmonari.

Ai bambini, e non solo, viene diagnosticata la polmonite da mycoplasma pneumoniae se presentano:

  • febbre, tosse, tachipnea e suoni respiratori anomali;
  • alterazioni tipiche dell’imaging toracico (infiltrati interstiziali, consolidamenti segmentali e lobari, ingrossamento dei linfonodi ilari);
  • risultati positivi del test di amplificazione dell’acido nucleico (NAAT) per l’RNA mycoplasma pneumoniae (MP) utilizzando campioni di tampone faringeo;
  • risultati positivi per gli anticorpi MP nel siero definiti come (i) titolo anticorpale MP ≥ 1:160 al momento del ricovero o (ii) sieroconversione del titolo anticorpale MP da negativo (<1:80) a positivo (≥1:160) entro due settimane.

Leggi tutto su Giustopeso.it

Che cos’è la Gluten Sensitivity? Presenza del gene DQA1*05

La Gluten-Sensivity (sensibilità al glutine non celiaca) è una forma di intolleranza al glutine caratterizzata da uno spettro di sintomi correlati all’ingestione di alimenti contenenti glutine in soggetti che non sono affetti da celiachia o allergia al grano.

La sintomatologia si presenta con sintomi gastrointestinali come:

  • dolore addominale
  • diarrea o stipsi
  • meteorismo
  • problematiche extraintestinali quali:
  • affaticamento,
  • cefalea,
  • depressione,
  • dolori articolari e muscolari,
  • difficoltà di concentrazione,
  • mente annebbiata,
  • sonnolenza,
  • parestesie degli arti,
  • rash cutanei tipo eczema,
  • stanchezza cronica.

L’Associazione italiana Celiachia e la Fondazione Celiachia hanno registrato un’incidenza più alta della sensibilità al glutine non celiaca rispetto alla tradizionale celiachia con una netta prevalenza del disturbo nelle donne (rapporto 6:1), con un’età media di 55 anni e con assenza di segnalazioni in età pediatrica.

Leggi tutto su giustopeso.it

Il tuo 5×1000 per sostenere la Medicina di Precisione

La Società Italiana Educazionale Medicina di Precisione – S.I.E.M.PRE., è un’Associazione pubblica del Terzo Settore senza fini di lucro, impegnata nella realizzazione di scopi di interesse medico scientifico e sociale assistenziale, a carattere nazionale, con la quale condividiamo le ragioni etiche e gli indirizzi scientifici e alla quale offriamo quotidianamente il nostro sostegno per la realizzazione di Progetti di Ricerca, nell’ambito della Medicina di Precisione.

La Società Italiana Educazionale Medicina di Precisione – S.I.E.M.PRE. è  presente nell´elenco delle Associazioni che possono beneficiare del 5 x1000. 

Con la denuncia dei redditi, è possibile devolvere il proprio 
5 per mille a qualsiasi Ente non profit, senza alcun onere per il contribuente.

Se si decide di non destinare a nessuno il 5×1000 quella parte di IRPEF sarà comunque versata allo Stato. La devoluzione dell’5×1000 è una scelta che ogni contribuente può continuare a fare in concomitanza alla possibilità di destinare l’ 8×1000.

Il 5 per mille è uno strumento potente che consente di dare forza a quelle fondazioni e associazioni impegnate nel sociale e nella ricerca affinchè possano sviluppare la propria attività nel modo più utile per tutti. 


FAI COME NOI attraverso un piccolo gesto puoi fare la differenza

La Società Italiana Educazionale Medicina di Precisione – S.I.E.M.PRE. è presente nell´elenco delle Associazioni che possono beneficiare del 5 x1000. 

Ricordiamo che, con la denuncia dei redditi, è possibile devolvere il proprio 
5 per mille a qualsiasi Ente non profit, senza alcun onere per il contribuente.

Se si decide di non destinare a nessuno il 5×1000 quella parte di IRPEF sarà comunque versata allo Stato. La devoluzione dell’5×1000 è una scelta che ogni contribuente può continuare a fare in concomitanza alla possibilità di destinare l’ 8×1000.

Il 5 per mille è uno strumento potente che consente di dare forza a quelle fondazioni e associazioni impegnate nel sociale e nella ricerca affinchè possano sviluppare la propria attività nel modo più utile per tutti. 


Progetti di ricerca approvati dal Comitato Scientifico della Società Italiana Educazionale Medicina di Precisione – S.I.E.M.PRE.

  • Antibiotico-resistenza
  • Adverse Drug Reaction (ADR)
  • Disordini comportamentali: patologie neurologiche e neurodegenerative
  • Obesità e disordini metabolici correlati
  • Sindrome fibromialgica
  • Intolleranze e allergie alimentari

Il tuo 5 x 1000 in soli due passaggi

All’interno dei singoli modelli (Unico, 730, CUD) si trova uno spazio dedicato alla “Scelta per la destinazione del cinque per mille dell’Irpef”.

  1. Basta apporre la propria firma nel seguente riquadro:

    SOSTEGNO DEGLI ENTI DEL TERZO SETTORE ISCRITTI NEL RUNTS DI CUI ALL’ART. 46, C. 1, DEL D.LGS. 3 LUGLIO 2017, N. 117, COMPRESE LE COOPERATIVE SOCIALI ED ESCLUSE LE IMPRESE SOCIALI COSTITUITE IN FORMA DI SOCIETA’, NONCHE’ SOSTEGNO DELLE ONLUS ISCRITTE ALL’ANAGRAFE.
  2. Il codice fiscale della Società Italiana Educazionale Medicina di Precisione è il seguente:

    170 370 410 05

     

    Indicare il codice fiscale dell’Ente beneficiario:

Grazie per il suo prezioso contributo!

Indirizzo

via F.S. Nitti, 15
00191 Roma

Contatti

ordini@farmagensonline.it

Consulenza Scientifica

Per quesiti specifici, contatta il nostro consulente: consulenzascientifica@farmagensonline.it

La Farmagens Health Care è una società tra le più innovative nel campo della ricerca BIOTECNOLOGICA coinvolta nello sviluppo e nella conoscenza della NUTRIGENOMICA e della FARMACOGENOMICA con collaborazioni Scientifiche consolidate sia in Italia che in campo Internazionale.

Copyright © 2022 Farmagens. All Rights Reserved.

A.C.S. INTERNATIONAL PHARMA GROUP Partita IVA/C.F. 04392971000
Condizioni di Vendita | Privacy Policy | Cookie Policy 

Add to cart
[]